Trovate di seguito la mia intervista su “STORIE DI ECCELLENZA”  di novembre:

Le fotografie sono importanti, sono ricordi che rimarranno per sempre.

La passione non basta per rendere uno scatto perfetto, tanto potente da esprimere emozioni anche dopo anni. È necessaria quell’alchimia di tecnicismo, creatività e sensibilità che pochi possiedono.
Daniele Ferraro, fotografo professionista di matrimonio con sede a Mussolente nel Vicentino, è la scelta perfetta per raccontare la storia del giorno più bello della vostra vita.

Presenza discreta e invisibile, metterà insieme un racconto fotografico dell’intero matrimonio.

Gli abbiamo rivolto tre domande sul suo lavoro:

Daniele, perché fotografi matrimoni?

Prima di tutto mi piace raccontare storie e un matrimonio è un avvenimento speciale per farlo. È un giorno carico di emozioni, sorrisi, lacrime e divertimento che offre molti momenti da cogliere. L’empatia che spesso si crea con i miei sposi mi permette di sentirmi parte integrante della festa e di muovermi indisturbato per svolgere al meglio il mio lavoro.
Il momento più bello è quando consegno le fotografie. Se vedo gli occhi dei miei clienti illuminarsi e talvolta piangere allora so di aver colpito nel segno e questo mi riempi di soddisfazione.
Mi piace pensare che i miei scatti entreranno a far parte dei ricordi e della storia di una famiglia, che verranno visti dai figli e dai nipoti, che documenteranno oltre al giorno del matrimonio, usi e costumi di un’epoca. Per questo le fotografie sono importanti!

Qual è il tuo approccio? Qual è il tuo stile?

La caratteristica principale del mio lavoro è quella di interferire il meno possibile nel matrimonio. Il servizio fotografico sarà quindi un racconto spontaneo con la possibilità di realizzare, a discrezione degli sposi, un breve servizio di coppia e le foto di famiglia. Rimango l’intera giornata, dalla preparazione degli sposi alla festa serale e mi avvalgo sempre della collaborazione di un altro fotografo.
Il mio stile è in continua evoluzione. Investo molto tempo in ricerca e formazione e questo si riflette sul mio modo di fotografare. Dal 2012 faccio parte di ANFM, l’Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti, un grande gruppo di persone e professionisti che durante l’anno organizza incontri formativi e di confronto con i colleghi per dare ai nostri clienti un servizio sempre di più alto livello.
Un altro punto di forza del mio lavoro sono i prodotti di stampa. Ho selezionato per i miei clienti i migliori album sul mercato perché la loro storia merita di essere stampata e rimanere nel tempo. Per i miei prodotti utilizzo unicamente la stampa fine art.

Che consiglio daresti a una coppia che deve sposarsi?

A due ragazzi che hanno deciso di sposarsi direi di organizzare il loro matrimonio facendo solo quello che a loro piace e di non fare le cose perché “si è sempre fatto così”. Solo così sarà un matrimonio unico, autentico ed originale. Sarà il loro matrimonio.
Per quanto riguarda il servizio fotografico direi di affidarsi a un professionista con uno stile che si avvicini al loro modo di essere. Del matrimonio rimangono solo l’amore tra gli sposi e i ricordi fissati nelle fotografie. Per sempre!

Qui potete scaricare il PDF dell’articolo